Non un aperitivo ma l'aperitivo: lo Spritz!

[one_half]



[/one_half]

[one_half_last]
E’ la bevanda più diffusa nel triveneto, in particolare nelle città di Venezia, Padova e Treviso che da più di cent’anni brindano con questa tipica bevanda alcolica.
Spritz, Spriss ma anche sprisseto….molto pi di una bibita, un vero e proprio rituale che accompagna giovani e anziani nell’aperitivo pre-cena.

Ma di cosa si tratta?

Una ricetta universale non esiste, la sua preparazione varia da provincia a provincia, da città e città anche tra baristi. Originariamente, ai tempi della dominazione Asburgica nel Nord Italia, nasce come bicchiere di vino bianco allungato con acqua, ma ben presto le tradizioni delle città venete vi aggiungono i più svariati liquori, il cui denominatore comune il colore rosso….Aperol, Campari, Select solo per citarne alcuni.

Oggi l’usanza vuole la presenza di vino bianco (prosecco nel Veneto), acqua gassata o seltz, Aperol (o altre varianti), ghiaccio e una fettina di limone, o arancia o un’oliva.
Durante lo spritz hour (pre-cena), il bicchiere di spritz viene servito accompagnato da ricchi e succulenti stuzzichini (di solito prodotti tipici della zona) che vanno dagli affettati ai formaggi, dalle verdure grigliate al pesce.

Provate il vostro primo Spritz in hotel e poi proseguite con il giro dei locali (bacari, osterie, trattorie) tra sprisseti, ombrette e cicchetti per una serata all’insegna della tradizione più alcolica.